LOGO
Ph. Giorni Ph. Credere Ph. Giorni Ph. Giorni Ph. Credere Ph. Giampellegrini Ph. Giorni Ph. Giampellegrini Ph. Giampellegrini Ph. Credere

Canto Gregoriano

“Lodate il Signore…
…cantate inni al suo nome”
(Sal. 135, 3)

I numerosi visitatori che passano a Monte Oliveto sono spesso attirati dal canto gregoriano dei monaci: un canto che fa vibrare l’inesprimibile, desta la nostalgia di Dio e dei valori dello spirito, pacifica e tonifica la mente e il cuore.

Il canto gregoriano, che oggi più che mai affascina credenti e non credenti, risale alla Chiesa delle origini. Tradizionalmente si è attribuito al Papa S.Gregorio Magno (†604) la creazione e la riordinazione del repertorio liturgico, e per questo dal suo nome sarà coniato l’appellativo di «gregoriano».
Dall’VIII al XIII secolo scorre l’epoca d’oro dell’interpretazione del canto gregoriano e, dopo un periodo di parziale oblio e di alterazioni, nel XIX secolo sarà restaurato nella sua primitiva purezza grazie agli sforzi dell’Abate Guéranger e dei suoi monaci di Solesmes (Francia). Il Concilio Vaticano II lo ha riconosciuto come «proprio della liturgia romana», raccomandandone il posto principale nelle azioni liturgiche.

Lo stile del canto gregoriano è unicamente modale, e questo spiega la sua ineguagliabile suggestione spirituale che afferra chi lo canta e lo ascolta. Antoine de Saint-Exupery ha scritto: «In fondo non c’è che un problema: far piovere sugli uomini qualcosa che assomigli al canto gregoriano».

A Monte Oliveto, come in tanti altri monasteri benedettini, viene usato integralmente nella Messa conventuale, ai Vespri, alla Compieta e, in parte, alle Lodi.

error: Contenuto protetto da CopyRight!